Un Percorso di Crescita

L’Associazione Meter ha attraversato negli anni un percorso di crescita e di sviluppo delle proprie potenzialità e risorse. Nata nel 1989, si costituisce ufficialmente nel 2002 all’interno della Parrocchia Madonna del Carmine di Avola, in una zona di periferia, ed ha visto giorno dopo giorno crescere sempre più il riconoscimento per il suo operato e il suo valore morale.

Meter viene alla luce come associazione volta al contrasto della pedofilia e nei primi anni si muove soprattutto perseguendo obiettivi volti a questo scopo. Nel tempo le richieste di aiuto che arrivano in Associazione permettono un ampliamento degli obiettivi prefissati, per cui Meter si pone a tutela dei diritti dell’infanzia promuovendo il sano sviluppo del bambino e intervenendo in tutte le situazioni in cui è a rischio (disagi familiari, maltrattamenti, bullismo, disagi psicologici, ecc.).

Nel frattempo l’Associazione cresce, si sviluppa il bisogno in gruppi di volontari di creare sedi anche in altre città e così nel 2005 nasce la prima Sede Meter a Modica.

Sempre nel 2005 la sede Meter avolese si sposta dalla canonica della parrocchia del Carmine in una sede dislocata: le nuove esigenze e le attività sempre più intense richiedono infatti spazi più ampi e organizzati.

Negli anni i volontari si sono moltiplicati e il loro impegno costante ha permesso l’apertura di Sedi in varie città del territorio nazionale, oltre alla creazione di Gruppi e referenti territoriali.

Con il diffondersi delle nuove tecnologie e l’entrata di Internet nelle case e nelle tasche di adulti e ragazzi, Meter è stata sempre più coinvolta in interventi di prevenzione e sensibilizzazione sui pericoli della rete e il rischio di adescamento online (grooming).

L’impegno attivo ed efficace nel contrasto alla pedofilia online e alla pedopornografia ha portato nel 2008 alla siglatura di una Convenzione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni (Meter è l’unica Associazione in Italia ad avere una convenzione simile) e alla creazione dell’OS.MO.CO.P. (Osservatorio Mondiale Contro la Pedofilia).

Nel 2013 nasce Casa Meter, struttura polifunzionale che accoglie tutti i servizi rivolti ai bambini e alle loro famiglie. Oggi Casa Meter ospita anche tutti gli uffici della Sede Nazionale.

Nel 2015 Meter ha avuto un ulteriore sviluppo di servizi e attività con la nascita del Centro Affidi e del Centro Adozioni Internazionali, destinati alle coppie che vogliono accogliere bambini in situazioni di difficoltà o che desiderano creare una famiglia. Sempre sulla scia delle azioni volte al corretto uso della rete nasce il Centro Network Polifunzionale, programma di intervento educativo e tecnologico per l’avvio di un percorso di conoscenza e di educazione all’uso della rete Internet.

In questi anni l’Associazione ha visto non solo un aumento di servizi e di iniziative, ma soprattutto ha creato una rete capillare di collaborazioni con enti pubblici e privati che hanno creduto nella professionalità di Meter e nell’impegno costante e competente a tutela dell’infanzia.

percorso crescita 

Storia dell'Associazione

logo meter bassarisoluzioneMeter è nata ad Avola (SR) per volontà di don Fortunato Di Noto, che tra il 1989 e il 1991 ha iniziato ad appassionarsi alle nuove tecnologie: strumenti meravigliosi ma che, oltre ad avere un lato funzionale e positivo, hanno permesso la diffusione di orrori e violenze. Le immagini trovate da don Fortunato nella Rete già allora hanno mostrato un vero e proprio olocausto perpetrato grazie alla produzione e divulgazione di materiale pedopornografico o comunque in danno dei minori. Il ritrovamento delle prime immagini pedopornografiche e dei proclami della pedofilia culturale spinsero don Di Noto e i soci fondatori, che tuttora lo seguono, a quella che sarebbe divenuta la loro missione: lottare contro la pedofilia e gli abusi dell’infanzia, salvaguardare i bambini e la loro innocenza. 

Questo è alla base del nome dell’Associazione: meter è una parola di origine greca che significa “accoglienza, grembo” e, in senso più lato, “protezione e accompagnamento”. Questo nome nasce dall’esigenza di radicare e promuovere la cultura dei diritti dell’infanzia nelle realtà ecclesiali e non.

Oggi Meter nell’ambito della tutela dei minori e nella lotta alla pedofilia e pedopornografia online, rappresenta un significativo punto di riferimento in Italia ed è riconosciuta nel mondo come una delle massime autorità (dalla Cina al Giappone, dagli USA all’Europa) nella prevenzione del disagio infantile e la progettazione di interventi mirati ad un aiuto concreto alle vittime degli abusi sessuali. Sul fronte della lotta alla pedocriminalità, Meter collabora attivamente con il CNCPO (Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia Online) grazie ad un protocollo d’intesa con la Polizia Postale e varie Procure italiane.

La squadra di Meter si è sempre distinta per la sua operatività nell’informare e formare tutti i settori educativi e si impegna affinché il diritto a vivere sereni nella società e nella famiglia divenga tale per tutti e non una condizione per pochi privilegiati.

Significato logo Meter

Esso è formato da una grande M disegnata dai bambini che richiama il significato di grembo, accoglienza, protezione e l’abbraccio di chi ama i piccoli; all’interno della M figurano 12 stelle simbolo della corona della Vergine Maria, Madre di Gesù e madre di tutti i bambini; al centro campeggiano un bambino stilizzato e il globo che rappresenta l’umanità che deve essere sempre più accogliente e dalla parte dei bambini. Il logo non è solo una mera identificazione dell’Associazione ma richiama alti valori spirituali e civili.

organigramma

La Nostra Mission

L’Associazione Meter, attraverso le iniziative e gli interventi messi in atto, mira a perseguire i fini statutari che hanno come scopi principali quelli di:

  • Migliorare la qualità della vita dei bambini, degli adolescenti e delle loro famiglie;
  • Promuovere e sostenere iniziative che agevolino proposte educative della famiglia rivolte alla tutela dei bambini, attraverso un percorso di formazione nel rispetto della loro identità culturale, politica, sociale e religiosa;
  • Gestire servizi di consulenza e di assistenza sociale, psicologica e giuridica rivolte a minori e famiglie in condizioni di disagio e maltrattamento;
  • Promuovere e gestire attività di sostegno e valorizzazione della famiglia;
  • Favorire il mutuo aiuto nelle attività di cura familiare;
  • Sostenere e realizzare progetti di legge volti a migliorare la normativa esistente a tutela dei diritti inviolabili della persona umana e, conseguentemente, del fanciullo;
  • Stimolare lo studio e l’indagine conoscitiva della sfera psico-sociale e giuridica della realtà minorile, per il miglioramento della qualità di vita dei bambini e degli adolescenti e per difenderne la sana crescita morale, psicologica e spirituale;
  • Favorire la diffusione delle informazioni, attraverso l’utilizzo dei mass-media, editoriali telematici, riguardanti ogni aspetto della vita dell’individuo, e quindi del minore, per consentire una completa e adeguata conoscenza della stessa;
  • Promuovere iniziative volte a stimolare il confronto tra realtà diverse (siano esse politiche, economiche, culturali e religiose) al fine di offrire un punto di osservazione oggettivo;
  • Fornire un equilibrato inserimento del minore nella collettività di appartenenza contrastando ogni attività o sentimento che esalti o stimoli la violenza;
  • Stimolare azioni contro lo sfruttamento sessuale sui minori e contro ogni altra forma di aggressione fisica, culturale, psicologica e spirituale perpetrata sugli stessi;
  • Effettuare un costante monitoraggio dei mezzi di comunicazione (Internet, tv, telefonia, ecc.), per garantirne un uso corretto e per contribuire a farne inibire le forme distorte e dannose per i minori.
  • Creare una rete capillare di persone competenti, motivate, ed animatori della società in cui vivono, per alzare la vigilanza, il sostegno e la protezione dell’infanzia.

 

 

operatori meter

volontari meter

impegno tenacia