ULTIME NEWS

PEDOFILIA/ GIORNATA PREGHIERA VITTIME ABUSI, DON DI NOTO AL PAPA

“BUONA INIZIATIVA, CHE VALORIZZA DI PIU’ LA GIORNATA BAMBINI VITTIME DI METER, CELEBRATA DA 21 ANNI IN ITALIA E ALL’ESTERO.


Avola (SR), 13 settembre 2016 - "Mi sembra una buona idea la giornata di preghiera per le vittime di abusi sessuali proposta dal Papa e plaudiamo alla iniziativa. Ricordiamo che da 21 anni in Italia e in tanti paesi esteri celebriamo la Giornata Bambini Vittime della violenza, dello sfruttamento e dell'indifferenza contro la pedofilia, che Meter ha lanciato per sensibilizzare tutti sul dramma dell'abuso". E' con queste parole che don Fortunato Di Noto, il sacerdote fondatore dell'Associazione Meter Onlus (www.associazionemeter.org), commenta la proposta vaticana di istituire una giornata di preghiera per le vittime di abusi. E continua: "E' un grande segno questo voluto da Francesco di pensare ad una giornata mondiale per le vittime. Un segnale che potrebbe estendersi per tutte le vittime di abusi. Infatti il fenomeno non è solo circoscritto nell’ambiente ecclesiale.

Papa Francesco ha sempre incoraggiato la GBV ricordandola ogni anno dalla Sua finestra di piazza San Pietro (come ha anche fatto Benedetto XVI). Si celebra la prima domenica di maggio, con momenti di preghiera e con varie iniziative ed è già conosciuta, consolidata, apprezzata e attesa ogni anno dalle comunità ecclesiali e civili; basti pensare in questi anni alle centinaia di messaggi di Cardinali, Vescovi e parroci oltre alle più alte cariche dello Stato. La lotta alla pedofilia, alla pedopornografia e agli abusi deve essere sempre fatta insieme; se non è fatta insieme siamo già sconfitti", conclude il sacerdote siciliano.

La GBV è nata nel 1995 quando don Fortunato ha salvato una bambina dal suicidio per impiccagione e a causa di abusi sessuali sui bambini. E' riconosciuta da una legge della Regione Sicilia e viene celebrata in Italia e nel mondo. La GBV è inoltre sotto il patrocinio del Presidente della Repubblica e sostenuta dalle più alte cariche dello stato. Centinai di Vescovi hanno aderito in questi anni con un messaggio e promuovendola nelle diocesi.