ULTIME NEWS

PEDOFILIA/CARD.LE BASSETTI (CEI) INCONTRA DON DI NOTO (METER)

LA CHIESA ITALIANA E’ RICONOSCENTE A METER. STIAMO DALLA PARTE DELLE VITTIME”.

Don Di Noto e Card BassettiS.Em.za il Card. Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI (Conferenza Episcopale Italiana) ha incontrato oggi il Presidente e Fondatore di Meter onlus, don Fortunato Di Noto; presente anche il Vescovo di Noto (Sr), S.E. Mons. Antonio Staglianò (vedasi foto allegata).
Il Card. Bassetti ha espresso vivo apprezzamento e grande riconoscenza da parte di tutta la Chiesa Italiana per l’indefesso impegno che Meter da 30 anni svolge a tutela dell’infanzia contro la pedofilia e ogni forma di abuso che lede la dignità dei bambini.

“Non posso che apprezzare il Vostro costante impegno – ha dichiarato Card. Bassetti – e ribadire che tutta la Chiesa Italiana è riconoscente per il Vostro impegno. Non possiamo che stare dalla parte di coloro che hanno subito degli abusi, un dramma che ci coinvolge tutti e che ci sprona a operare sempre di più per la salvaguardia dei bambini e dei vulnerabili. E’ un dolore profondo che ci responsabilizza tutti.”.

Un incontro, molto desiderato dal Card. Bassetti e da don Di Noto in preparazione del Summit che si terrà in Vaticano nei prossimi giorni, con Papa Francesco e i Presidenti delle Conferenze Episcopali del mondo.

Don Fortunato Di Noto, fondatore di Meter, dichiara: “Ho presentato l’opera di Meter (Il Centro di ascolto delle vittime, il servizio di accoglienza e accompagnamento per i bambini, l’Osmocop - l’Osservatorio Mondiale contro la pedofilia - il Polo Formativo ed Educativo; il Centro dei bambini autistici, i Report annuali e l’impegno concreto nel contrasto agli abusi sui minori. Un colloquio intenso, profondo che gratifica e sospinge Meter ad operare sempre di più – continua don Di Noto. Le parole del Card. Bassetti ci offrono l’evidente sostegno della Chiesa Italiana e noi, come Associazione, non possiamo che mettere a disposizione, anche per il Servizio Nazionale Tutela Minori della Cei e per tutta la Chiesa universale, la nostra trentennale esperienza, competenza responsabile e azione concreta nel ribadire che non possiamo rimanere indifferenti di fronte a tale tragedia che coinvolge i piccoli e i deboli”.